Apple vince contro la Unione Europea, annullata la decisione sul rimborso da 13 miliardi all'Irlanda

BRUXELLES - Un'alta corte dell'Unione Europea ha dichiarato mercoledi che il colosso della tecnologia Apple non deve pagare 13 miliardi di tasse arretrate all'Irlanda, come vuole la commissione esecutiva dell'UE.

Nel 2016 la Commissione europea aveva affermato che Apple aveva stipulato un accordo fiscale illegale con le autorita irlandesi. Ma il Tribunale lussemburghese ha dichiarato mercoledi che "la Commissione non e riuscita a dimostrare ai requisiti giuridici necessari che esisteva un vantaggio".

"La Commissione ha sbagliato a dichiarare" che Apple "aveva ottenuto un vantaggio economico selettivo e, per estensione, aiuti di Stato", ha affermato il tribunale con sede a Lussemburgo, che e il secondo piu alto dell'UE. La sentenza puo essere impugnata solo per motivi di diritto.

La Commissione Europea aveva ordinato ad Apple di pagare il sottopagato lordo delle tasse sugli utili in tutto il blocco europeo dal 2003 al 2014. La commissione ha concluso che la Apple con sede in California usava due societa di shell incorporate in Irlanda per riportare bene i suoi profitti in tutta Europa a tassi efficaci meno dell'1%.

In molti casi, le multinazionali possono pagare le tasse sulla maggior parte delle loro entrate attraverso i 27 paesi dell'UE nell'unica nazione dell'UE in cui hanno il loro quartier generale regionale. Per i piccoli paesi dell'UE come l'Irlanda, dove molte grandi aziende tecnologiche come Apple hanno la loro sede europea, offrire un'aliquota fiscale ridotta aiuta ad attrarre le imprese internazionali.

Il governo irlandese ha immediatamente accolto con favore la sentenza. "L'Irlanda e sempre stata chiara sul fatto che non vi era alcun trattamento speciale" per la societa americana, ha affermato in una nota. "L'Irlanda ha fatto appello alla decisione della Commissione sulla base del fatto che l'Irlanda non ha concesso aiuti di Stato e la decisione odierna della corte sostiene tale opinione".

Apple ha anche dichiarato di essere soddisfatta della decisione, sostenendo che il caso non riguarda la quantita di tasse che paga, ma in quale paese. L'amministratore delegato Tim Cook ha definito la domanda UE di tasse arretrate "merda politica totale".

La sentenza del tribunale e particolarmente pungente per il vicepresidente dell'UE Margrethe Vestager, che da anni fa una campagna per sradicare accordi fiscali speciali. Il presidente Trump l'ha definita la "signora delle tasse" che "odia davvero gli Stati Uniti"

Ha promesso di continuare la lotta. "La Commissione continuera a esaminare misure di pianificazione fiscale aggressiva ai sensi delle norme sugli aiuti di Stato dell'UE per valutare se si traducono aiuti di Stato illegali", ha affermato Vestager.

Anche se la tassazione rimane sotto l'autorita dei suoi paesi membri, l'UE sta cercando di creare condizioni di parita tra le 27 nazioni del blocco assicurando accordi speciali tra cui aliquote fiscali ultra basse con le multinazionali, come quella tra Irlanda e Apple, estirpare. L'amministrazione Trump ha affermato che l'UE sta prendendo di mira ingiustamente le societa statunitensi.

Ricerche correlate a Apple: apple vince contro la unione europea annullata la decisione sul rimborso da 13 miliardi all irlanda.

L'articolo pubblicato su Notizie Inn in data 15 luglio 2020, by Aaron De Vries.