Gran Bretagna potrebbe limitare ulteriormente Huawei nel 5G

La Gran Bretagna potrebbe limitare ulteriormente Huawei nel 5G, una vittoria per Washington e un colpo alla Cina.

LONDRA - Lunedi il primo ministro Boris Johnson ha segnalato che il suo governo potrebbe spostare la sua posizione su Huawei e spostarsi per limitare ulteriormente il ruolo del colosso cinese delle telecomunicazioni nella costruzione della rete di telefonia mobile della quinta generazione britannica.

"Sono molto determinato a ottenere la banda larga in ogni parte di questo paese. Sono anche determinato che il Regno Unito non dovrebbe essere in alcun modo vulnerabile a un fornitore di stato ad alto rischio, quindi dobbiamo riflettere attentamente su come gestirlo."

Qualsiasi decisione di eliminare gradualmente i prodotti Huawei rappresenterebbe una vittoria significativa per gli Stati Uniti, che hanno fatto pressioni su la Gran Bretagna e l'Europa per evitare Huawei sulla base del fatto che la tecnologia cinese potrebbe rendere i paesi alleati vulnerabili allo spionaggio.

Un'inversione di marcia britannica su Huawei aggiungerebbe anche un altro punto di attrito con la Cina. I due paesi si sono gia scontrati per la repressione di Pechino sulle liberta politiche e una nuova severa legge sulla sicurezza per Hong Kong.

Parlando a una conferenza stampa virtuale a Londra lunedi, l'ambasciatore cinese in Gran Bretagna, Liu Xiaoming, ha detto a Johnson:

"Non puoi avere un'epoca d'oro se tratti la Cina come un nemico".

A gennaio, la Gran Bretagna ha deciso di limitare la quota di mercato di Huawei per la rete 5G "noncore" del Paese al 35 percento, etichettando la societa come un "fornitore ad alto rischio" e vietando l'uso delle sue apparecchiature in parti "core" della rete, tra cui intelligence, siti militari e nucleari.

La decisione era molto lontana da cio per cui Washington aveva spinto, poiche combatte la Cina per il dominio sul 5G, ma la Gran Bretagna ha notato che ci sono pochi altri fornitori di tecnologia che possono eguagliare il prezzo cinese.

Sei mesi dopo, i calcoli potrebbero cambiare.

Sabato, il quotidiano Telegraph - che ha forti legami con il Partito conservatore di Johnson - ha scritto che un prossimo rapporto del National Cyber Security Centre britannico ha concluso che le sanzioni statunitensi annunciate a maggio, che impediscono a Huawei di utilizzare la tecnologia basata sulla proprieta intellettuale americana, potrebbero limitare gli inglesi e la sua capacita di supervisionare Huawei.

Il Guardian ha successivamente riferito che i funzionari britannici stavano discutendo proposte per interrompere l'installazione di nuove apparecchiature Huawei nella rete 5G in appena sei mesi e per accelerare la rimozione della tecnologia gia in atto.

Nelle sue osservazioni lunedi, l'ambasciatore cinese in Gran Bretagna ha provocato il governo di Johnson per aver intrattenuto gli argomenti dell'amministrazione Trump su Huawei.

"Significa che soccombi alle pressioni straniere e non puoi creare la tua politica estera indipendente", ha detto Liu. "Dico sempre che la Gran Bretagna puo essere eccezionale solo quando puo avere una sua politica estera indipendente".

Liu ha avvertito:

"Se il Regno Unito sceglie di pagare un prezzo elevato per una qualita inferiore, dipende da te. Dobbiamo lavorare per il meglio e prepararci per il meglio. Huawei sopravvivera e prosperera. Maggiore e la pressione della cosiddetta superpotenza e dei suoi alleati, Huawei diventera sempre piu forte."

Ha anche chiamato l'offerta della Gran Bretagna di concedere a quasi gli 3 milioni di residenti di Hong Kong un percorso verso la cittadinanza britannica "una grave interferenza negli affari interni della Cina". Liu ha dichiarato: "I tentativi di infrangere o ostacolare la legge sulla sicurezza nazionale incontreranno la forte opposizione di 1,4 miliardi di cinesi. Tutti questi tentativi sono destinati al fallimento."

La nuova legge sulla sicurezza di Pechino per Hong Kong, pubblicata la scorsa settimana, pone fine alla liberta di parola di cui la regione autonoma ha goduto.

In risposta, la Gran Bretagna ha promesso di consentire ai residenti di Hong Kong di viaggiare fino a li con passaporti nazionali britannici d'oltremare - un diritto concesso quando la Gran Bretagna ha restituito Hong Kong alla Cina nel 1997. La Cina teme che cio potrebbe minare la posizione di Hong Kong come centro finanziario globale e piombo a una fuga di cervelli.

Mentre le tensioni con la Cina sono elevate in gran parte dell'Europa, Germania e Francia non si sono discostate dai loro piani per includere Huawei nelle loro reti 5G.

A giugno, la societa tedesca di telecomunicazioni Deutsche Telekom ha annunciato che avrebbe reso disponibile il 5G a milioni di persone nel paese in collaborazione con Huawei, ma ha aggiunto che esclude la tecnologia Huawei dalle sue reti piu critiche. Diversi altri fornitori tedeschi di telecomunicazioni avevano precedentemente affermato che avrebbero collaborato con Huawei ai loro piani 5G, anche se alcuni membri del governo tedesco della coalizione rimangono critici o contrari alla partecipazione cinese.

Le autorita francesi hanno intrapreso una via di mezzo, sollecitando gli operatori che non utilizzano Huawei a non rilasciare e rilasciano certificazioni a tempo limitato per coloro che gia lo fanno per continuare i loro contratti con l'azienda.

"Quello che posso dire e che non ci sara un divieto totale", ha detto al quotidiano francese Les Echos Guillaume Poupard, direttore generale dell'Agenzia nazionale francese per la sicurezza dei sistemi di informazione.

Poupard ha aggiunto che le sociea di telecomunicazioni che gia utilizzano Huawei potrebbero continuare a farlo per periodi che variano tra i tre e gli otto anni.

Le aziende francesi come SFR e Bouygues Telecom usano gia Huawei e vogliono fare affidamento su di esso mentre passano al 5G, e hanno detto alle autorita francesi di aspettarsi un risarcimento se il governo proibisce loro di farlo.

Ricerche correlate a 5G: 5g, huawei, gran bretagna 5g, inghilterra 5g, huawei inghilterra 5g.

L'articolo pubblicato su Notizie Inn in data 07 luglio 2020, by Charlotte Jones.