La misteriosa malattia che ha colpito l'India

NUOVA DELHI - Almeno una persona è morta e altre 200 sono state ricoverate in ospedale per una malattia non identificata nello stato meridionale indiano dell'Andhra Pradesh.

La malattia è stata rilevata sabato sera a Eluru, antica città famosa per i suoi prodotti tessuti a mano. Da allora, i pazienti hanno sperimentato sintomi che vanno dalla nausea e dall'ansia alla perdita di coscienza, hanno detto i medici.

Un uomo di 45 anni che è stato ricoverato in ospedale con sintomi simili all'epilessia e alla nausea è morto domenica sera, ha riferito l'agenzia di stampa Press Trust of India.

I funzionari stanno cercando di determinare la causa della malattia. Finora, i campioni di acqua provenienti dalle aree colpite non hanno mostrato alcun segno di contaminazione e l'ufficio del primo ministro dell'Andhra Pradesh ha affermato che anche le persone non legate alla rete idrica comunale si sono ammalate. I pazienti sono di età diverse e sono risultati negativi al COVID-19 e ad altre malattie virali come dengue, chikungunya e herpes.

Un team di esperti inviato dal governo federale ha raggiunto la città lunedì per indagare sull'improvviso malore.

Il primo ministro YS Jagan Mohan Reddy ha visitato un ospedale governativo e ha incontrato pazienti malati. Il leader dell'opposizione N. Chandrababu Naidu ha twittato la richiesta di "un'inchiesta imparziale e completa sull'incidente".

Lo stato di Andhra Pradesh è tra quelli più colpiti in India dal coronavirus, con oltre 800mila casi rilevati. Il sistema sanitario dello stato, come il resto dell'India, è stato logorato dalla pandemia COVID-19.

L'India ha il terzo numero di vittime più alto al mondo per COVID-19. La nazione dell'Asia meridionale ha registrato 140.573 morti a causa della malattia, secondo i ricercatori della Johns Hopkins University. Questo è circa la metà del conteggio degli Stati Uniti, che è il peggiore del mondo.

Ricerche correlate: india, malattia misteriosa, andhra pradesh.

L'articolo pubblicato su Notizie Inn in data 7 dicembre 2020.